Addio Chunky Rice – Craig Thompson

Addio Chunky Rice è il primo romanzo a fumetti firmato dall’ormai celeberrimo autore di Blankets (come astutamente ricordato sulla copertina della nuova edizione statunitense) Craig Thompson. Purtroppo attualmente in Italia è fuori produzione e così dopo mesi di vane ricerche ne ho acquistata in rete una copia in lingua originale.

Addio Chunky Rice è la storia di un piccolo tartarughino alle prese con il desiderio irrefrenabile di partire per un lungo viaggio alla scoperta di sè stesso; sebbene i dubbi siano molteplici si tratta una pulsione incontrollabile, tanto forte da convincerlo a lasciarsi alle spalle il mondo sicuro ed ovattato che si era costruito (nel quale spicca la storia intrisa d’affetto con la topolina Dandel) per intraprendere una strada ignota e misteriosa, al fianco di sconosciuti quanto improbabili compagni di viaggio. Giusto il tempo dei preparativi e dei saluti e via che si salpa verso l’immensità di un oceano sconfinato; ma cullati dalle onde scopriamo giorno dopo giorno (o meglio pagina dopo pagina) che fra le pieghe dei suoi pensieri si annidano ricordi malinconici e nostalgici e che la loro protagonista è quella piccola Dandel che assomiglia sempre di più ad una moderna Penelope, simbolo del suo passato e motivo di rimorsi e di rimpianti. Lei stessa d’altro canto non sembra più in grado di guardare il mondo che la circonda con gli stessi occhi: tutto ciò che prima sembrava ricoperto da un’aura di magia si è lentamente trasformato in grigiore e banalità dopo la partenza di Chunky. La realtà è molto meno luminosa della favola. Le peregrinazioni mentali e fisiche dei due protagonisti, affiancate dalle tenere vicende del “piccolo grande” Solomon (amico di Chunky), conducono con dolcezza ed ironia verso la fine del racconto, che sebbene lasci aperti spiragli di ogni genere, conserva l’amaro sapore delle scelte e delle decisioni difficili.

Addio, Chunky Rice è un fumetto delicato e commovente, una tenera favola sull’amore e sull’amicizia, una pregevole riflessione sulla solitudine e sulla crescita. Thompson ci mostra in maniera toccante il legame indissolubile che caratterizza alcuni rapporti, quello che a distanza di tempo continua ad unire due persone anche quando le loro vite si sono separate per cause di forza maggiore o per abbagli di felicita’ da cogliere altrove. La tecnica è indiscutibile, la regia emozionante, i dialoghi mai scontati, i silenzi perfetti nei momenti in cui vengono chiamati in causa. Che dire. La mano c’è e si vede.

Editore: Pantheon – Pagine: 128 – Bianco&nero – Prezzo: 12,95$

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...