Il re bianco – Davide Toffolo

Il re bianco è una pubblicazione del 2005 ad opera di Davide Toffolo, uno dei più importanti fumettisti italiani contemporanei, noto ai più per essere anche il capogruppo dei Tre allegri ragazzi morti. La pubblicazione originale era in bianco e nero, mentre l’edizione uscita lo scorso anno che è poi quella comprata e recensita dal sottoscritto è una versione rimeditata e arricchita dai colori di Cecilia Ibañez.

Ammetto che non lo sapevo. Nello zoo di Barcellona all’incirca verso la metà degli anni Sessanta è stato portato un gorilla albino, che per ovvi motivi ne è immediatamente divenuto la principale attrazione. Fiocchetto di neve, questo il suo nome, fu trovato dal cacciatore catalano Mañé alla frontiera tra il Camerun e l’attuale Guinea Equatoriale e il caso volle che proprio da quelle parti ci fosse un importante centro di ricerche zoologiche diretto dal suo conterraneo Jordi Sabater Pi: il trasferimento dell’animale a Barcellona fu pressochè immediato, e in breve tempo Fiocchetto di neve divenne uno dei simboli della città nel mondo. Ma torniamo a noi. Qual’è il collegamento fra il gorilla e l’autore? Il primo contatto fra i due risale al momento in cui Toffolo dovette scegliere il nome da dare alla propria scuola di fumetto: in un racconto di Italo Calvino contenuto nel libro Palomar egli scoprì dell’esistenza di questo incredibile gorilla, capace di far scaturire nello scrittore una serie di profonde riflessioni legate da un lato alla sua straordinarietà, e dall’altro alla sua non appartenenza ad una specie precisa, nè gorilla nè uomo: un simbolo di quello che secondo Toffolo è l’appassionato di fumetti e quindi di conseguenza un nome decisamente azzeccato per la scuola. A questa curiosità iniziale seguì però poi una vera e propria ricerca sulle origini dell’animale, con un conseguente avvicinamento anche emotivo alle sue vicende. Il momento della morte di Fiocchetto di neve nel 2003 è lo spunto per raccontarne la storia, ma anche per mettere nero su bianco tutta una serie di riflessioni scaturite dall’osservazione diretta dell’animale, monito vivente ad un’umanità distratta della stanchezza provocata da una faticosa solitudine.

Il re bianco è un racconto affascinante e particolare che unisce la vera storia di un gorilla bianco a quella del protagonista mediante una narrazione in cui presente e passato si mescolano continuamente, in un’alternanza di ricordi, vecchi racconti, riflessioni e nuove conoscenze. A legare il tutto ci pensa Fiocchetto di neve: i suoi sguardi, gli atteggiamenti, la sua storia, ogni particolare alimenta i pensieri dell’autore e contribuisce a tendere quel sottile filo conduttore che ci accompagna dalla prima all’ultima pagina, degna conclusione di una vita in cui unicità e solitudine sono facce della stessa medaglia. In conclusione Il re bianco è anche un viaggio introspettivo, un racconto che fra autobiografia e mito ci accompagna in un immaginario confronto con qualcosa di apparentemente molto diverso da noi ma allo stesso tempo anche tremendamente simile. Buon lavoro.

Editore: Coconino Press – Pagine: 151 – Colori – Prezzo: 16€

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...