Bellezza – Hubert & Kerascoët

B9lrdNBIEAEm5_g

Bellezza è una pubblicazione del 2014, scritta da Hubert e disegnata dal duo Kerascoët (formato da Marie Pommepuy e Sébastien Cosset). Edita inizialmente in diversi episodi dalla rivista a fumetti franco-belga Spirou, l’opera è stata ripresa e stampata in Italia dalla casa editrice Bao, in un’edizione speciale che la raccoglie integralmente.

La premessa è d’obbligo: al primo approccio la storia appare quasi banale, quella di un regno in cui una ragazza bruttina ed emarginata sogna la bellezza. Sembra proprio una fiaba per bambini, di quelle lineari, dove subito appaiono chiari gli eroi, gli antagonisti, la trama e il lieto fine. Ma la prima grande sfida vinta da Bellezza è proprio questa, farci ricredere quasi subito. Passate le prime vignette si percepisce infatti una sensazione persino difficile da descrivere, come se qualcosa di molto più adulto si nascondesse dietro a quel tratto morbido e fanciullesco, trasmettendoci il desiderio di continuare a leggere pagina dopo pagina per comprenderlo meglio.

BELLEZZA2

Scopriamo poco dopo che la protagonista, quella Baccalà povera e bruttina, evoluzione (in peggio) della Cenerentola disneyana, vede la sua vita cambiare radicalmente dopo l’incontro casuale con la fata Mab, la quale tramite un incantesimo realizza il suo apparentemente scontato desiderio e la tramuta in Bellezza, di nome e di fatto. Ed ecco la prima perla: troppo semplice infatti trasformare il brutto in bello, chiunque ci avrebbe pensato. Hubert preferisce invece sorprenderci con una leggera deviazione sul tema, e ciò che cambia non è l’aspetto di Baccalà, bensì la percezione che ne avranno gli altri. Colpo di scena impreziosito dalla sua resa grafica, che consente al lettore di riconoscere nella protagonista a seconda delle situazioni la Bellezza che è diventata o la Baccalà che tuttora si nasconde dietro quel velo di magia.

BELLEZZA13

Inizia così la storia vera e propria, che si articola fra combattimenti, castelli, cavalieri, gioie, disgrazie, re e regine. Al centro dell’universo narrativo quella bellezza che, incredibile ma vero, si rivela più che mai un’arma a doppio taglio, capace di piegare sovrani e conquistare regni interi, ma anche di offuscare le menti e scatenare violenti e incontrollabili istinti primordiali. Riuscirà il lieto fine a riappropriarsi della sua fiaba…?

Il potere della bellezza è da sempre un argomento affascinante. Hubert e Kerascoët l’hanno affrontato in questo caso in modo sottile e intelligente, sfruttando quel teatro fiabesco composto da attori e ruoli riconoscibili per un pubblico di ogni età, ma reinterpretandolo magistralmente e trasformandolo in un racconto adulto e denso di significato. Consigliato.

Editore: Bao – Pagine: 160 – Bianco&nero e oro – Prezzo: 21€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Diario di fiume e altre storie – Gipi

Immagine

Diario di fiume e altre storie è un’opera scritta nel 2009 da Gipi, all’anagrafe Gianni Pacinotti, noto fumettista italiano.

Le storie sono tante e così diverse fra loro che risulta quasi impossibile cercare di riassumerle in qualche modo: si passa rapidamente da vicende di tragedie personali e private a piccoli romanzi di formazione, da situazioni di vita quotidiana ad altre di stampo quasi onirico. Il filo conduttore è rappresentato a mio parere da un punto di vista sempre molto intimo e psicologico, che scavando fra le pieghe dei singoli protagonisti, ne mette in luce i tratti salienti, i sentimenti più veri e le emozioni più profonde.

Immagine

Leggere questa pubblicazione lascia la netta sensazione di poter accedere ad una serie di fascicoli remoti e personali riposti sapientemente dall’autore in qualche angolo riparato della propria memoria e della sua dimensione privata. Le storie come detto sono molto varie, e non solo dal punto di vista contenutistico poiché a vicende di ampio respiro ne seguono altre che si esauriscono in una sola pagina o poco più, e il bianco e nero si alterna con l’uso sapiente dei colori. Ciononostante quella che l’opera ci regala è comunque una visione d’insieme emozionante e molto significativa, a tratti quasi toccante, che ci permette di comprendere al meglio le radici dell’ispirazione di un autore davvero geniale. 

Immagine

Editore: Coconino Press – Pagine: 160 – Colori/Bianco&nero – Prezzo: 17€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | 1 commento

Portugal – Cyril Pedrosa

Immagine

Portugal si presenta come l’opera sicuramente più importante di Cyril Pedrosa, disegnatore francese con precedenti alla Disney, già noto alle cronache di questo blog per la creazione di Tre Ombre

Il racconto, per molti versi autobiografico, ci proietta nelle vicende di una famiglia francese di nascita ma portoghese di origine, e nella fattispecie in quelle di Simòn, giovane disegnatore a caccia di ispirazioni. Questi, incuriosito dalla possibilità di conoscere meglio la storia della propria famiglia, decide di intraprendere un tortuoso viaggio lungo tre generazioni, che da un lato gli permetterà di riavvicinarsi al padre Jean, dirigente di successo ma fino a quel momento genitore assente ed incompiuto, e dall’altro lo condurrà in quel Portogallo magico e ricco di ricordi dal quale il nonno Abèl per primo decise di allontanarsi nell’immediato dopoguerra. 

Immagine

Portugal è una storia delicata, una narrazione introspettiva memorabile, nella quale la ricerca dell’identità viene affrontata con estrema naturalezza da un Pedrosa ormai maturo e perfettamente padrone dei propri mezzi. Il segno grafico incredibilmente espressivo e l’uso sapiente dei colori permettono al lettore di entrare in punta di piedi in una dimensione intima e privata, di accedere ad un luogo magico e nascosto nel quale il protagonista cerca e trova tracce di sè e di quelle radici tanto lontane quanto profonde e autentiche.

Immagine

Capire chi si è veramente è come rispondere a una di quelle domande da un milione di dollari, ma spesso è proprio guardandosi dentro e scavando nel proprio passato che si riescono a trovare i mattoni giusti per costruire le fondamenta di un futuro sereno e consapevole. Per quanto possibile.

Immagine

Editore: Bao Publishing – Pagine: 264 – Colori – Prezzo: 27€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | 1 commento

Sacro Terrore – Frank Miller

Immagine

Sacro Terrore è l’ultima pubblicazione di Frank Miller, autore statunitense pluripremiato e già creatore fra gli altri di Sin City, 300 e Il ritorno del Cavaliere oscuro.

La storia si riassume molto velocemente. In un’Empire City cupa e nervosa, il nostro nerboruto eroe Fixer è un vigilante mascherato che si ritrova a dover salvare la città intera e il mondo come lo conosciamo da una mortale minaccia portata dall’organizzazione terroristica di Al-Qaeda. 

Immagine

Le aspettative erano altissime. O almeno le mie. Frank Miller è un nome che da solo rievoca frammenti fondamentali nella storia di questo genere. E quando mi sono approcciato a Sacro Terrore ho sperato con tutto me stesso di rivivere anche solo una parte delle sensazioni provate in passato. Mi trovo invece a parlare di un capitombolo, e a mio parere anche abbastanza fragoroso. Può capitare eh, per carità, ma resta un peccato. La storia è striminzita e poco coinvolgente, a tratti secondo me perfino banale. I personaggi non catturano, privati come sono di quella profondità e di quella magia necessarie per consacrarli alla storia (chiedere a Leonida o a Marv per informazioni). Sacro Terrore è insomma puro intrattenimento, una grande occasione mancata per fare qualcosa di indimenticabile.

Per il resto lo stile è quello di sempre, con il nero solito attore protagonista e un tratto duro e secco che non pone limiti alla crudezza delle scene, pur sempre nella stilizzazione estrema del disegno.

Come si dice in questi casi…Andrà meglio la prossima volta Frank! E non preoccuparti, capita anche ai migliori. Appunto.

Immagine

Editore: Bao Publishing – Pagine: 120 – Bianco&nero – Prezzo: 19€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Life, in pictures – Will Eisner

 

 

 

 

 

 

 

Life, in pictures è una raccolta di cinque racconti autobiografici scritti da Will Eisner, celebre fumettista newyorchese, nel periodo di tempo compreso fra il 1985 e il 2003.

-Tramonto a Sunshine City- Scritta nel 1985, è la storia di un settantenne vedovo che chiude la sua attività nella Grande Mela per trasferirsi in un paesino di mare, esattamente come fece Will Eisner nel suo passaggio da New York alla Florida. Qui il neo pensionato incontrerà Olga, una giovane ragazza vedova capace di restituirgli la voglia di vivere…

-Il sognatore- Scritta nel 1986, racconta gli esordi di un giovane disegnatore. Nella New York anni ’30 l’industria del fumetto sta muovendo i suoi primi passi, e Billy è certo di poter coronare il suo sogno, realizzare un giorno una striscia tutta sua…La storia, quella vera, ci dice che è andata anche meglio di così.

-Verso la tempesta- Scritta nel 1991, racconta mediante continui flashback la storia di un giovane ragazzo americano durante il viaggio in treno che lo porterà al fronte. Si tratta della storia più autobiografica fra le cinque raccolte: con lo sguardo perso fuori dal finestrino “Willie” ci racconta la sua vita e quella della sua famiglia, partendo dal trasferimento nel Bronx e passando per la sua incredibile passione per il disegno, le lamentele della madre, l’antisemitismo e la sua amicizia con un ragazzo tedesco. Infine, la decisione di andare in guerra, così motivata: “Ho passato gli ultimi cinque anni a disegnare sogni, vivendo in una tela fatta di fantasie – sono prigioniero di me stesso!”. Un racconto molto intenso, nel quale si inseriscono anche le due lunghe storie relative alla famiglia dei genitori.

-Le regole del gioco- Scritta nel 2001, racconta la storia della famiglia della moglie Ann. Nell’ambiente in cui si svolge, i matrimoni sono decisi solo ed esclusivamente dall’interesse economico. Da generazioni il sentimento viene posto in secondo piano, l’importante è mantenere alto il nome della famiglia. Ma come si sa, l’amore è imprevedibile e spesso incontrollabile…

-Il giorno in cui divenni un professionista- Scritta anch’essa nel 2001, ci racconta in poche pagine il primo colloquio di lavoro sostenuto dall’autore.

Leggere Life, in pictures è come andare a trovare i nonni, sedersi in cucina, e fra una fetta di torta e il profumo di caffè lasciarsi cullare da storie affascinanti di tempi antichi, vecchi racconti che fanno sognare, che ci dicono da dove veniamo ma molto spesso danno anche buoni spunti su come proseguire. Fra quelle parole si nascondono spaccati di vita vera, un passato di sogni e di progetti più o meno realizzati, di sacrifici e difficoltà, che rivisti attraverso gli occhi di chi li ha scavati sulla propria pelle moltiplicano esponenzialmente il loro valore e l’ intensità narrativa. A volte assistiamo perfino a racconti nel racconto, che si incastrano all’interno del filone principale e vanno ancora più indietro, verso la fine dell’800. Insomma Life è una vera e propria finestra su un mondo che non c’è più e che sicuramente ha lasciato dietro di sè strascichi importanti, magari non sempre positivi, ma sicuramente fondamentali per capire meglio noi stessi, e quel che ci ha portato ad essere ciò che siamo.

Editore: Einaudi – Pagine: 500 – Bianco&nero – Prezzo: 24€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | 1 commento

Renée – Ludovic Debeurme

Renée è la seconda pubblicazione di Ludovic Debeurme, riuscitissimo seguito del celebre Lucille.

Dove eravamo rimasti. Lucille ha superato l’anoressia ed è tornata a vivere con la madre. Arthur, il suo fidanzato, si trova in carcere per aver commesso un omicidio, e divide la stanza con un vecchio ambiguo, apparentemente un truffatore, ma in realtà sospettato di pedofilia. In questo caso le vicende della giovane si intrecciano però con quelle di Renée, ragazza confusa e segnata da un complesso rapporto con l’universo maschile, che vede in un padre assente e fallito il primo responsabile. Le due fragili protagoniste si ritrovano così ad affrontare una situazione di intensa solitudine emotiva, e in un turbinio di attori ed emozioni, solo un destino inesorabile e beffardo le porterà ad un avvicinamento tanto fortuito quanto benefico.

A me Lucille era piaciuto molto, ma credo che Debeurme con Renée abbia fatto un deciso passo in avanti. La delicatezza è quella di sempre: come una farfalla dalle ali malinconiche l’autore si insinua fra le pieghe di una realtà difficile, mostrandola per ciò che è e sviscerandone anche i lati più crudi e segreti. La vera novità rispetto alla pubblicazione precedente sta a mio modo di vedere nella maturità dei personaggi; mentre in Lucille si percepiva nei protagonisti una volontà di fuga da vite complesse e problematiche, si avverte ora l’esigenza di un approccio differente: la volontà di cambiamento cede il passo all’accettazione della propria quotidianità, di sè stessi e del proprio destino.

Degna di nota la scelta di rappresentare molte delle emozioni vissute dai protagonisti come trasfigurazioni del reale, metaforiche evoluzioni di sentimenti esistenti che deformati attraverso una lente onirica conferiscono alla narrazione una parvenza di magia: incubi e sogni si rivelano infatti il linguaggio più naturale dell’inconscio quando, come un’onda stanca, si schianta sullo scoglio di una vita troppo forte. Ma spesso, molto spesso, ne costituiscono anche la prima chiave di lettura.

Anche dal punto di vista grafico l’autore appare cresciuto e maturato. La stilizzazione dei personaggi è ancora un elemento cardine, ma in questo caso lascia spesso più spazio ad una maggiore espressività, visibile soprattutto nella caratterizzazione dei volti, mai così realistici. Pollice su.

Editore: Coconino Press – Pagine: 464 – Bianco&nero – Prezzo: 29€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nessuno mi farà del male – Giacomo Monti

Nessuno mi farà del male è una graphic novel firmata da Giacomo Monti, “allievo” del più celebre Gipi. Proprio quest’ultimo ne ha tratto ispirazione per il film l’Ultimo terrestre, presentato al Festival del Cinema di Venezia con una buona accoglienza di pubblico e critica.

La storia è un’intricata matassa. Fra le pieghe di una società al capolinea e le strade di un anonimo paese di provincia, diversi protagonisti ci comunicano un piccolo pezzo della loro difficile quotidianità mediante racconti a volte brevi, altre brevissimi: pagina dopo pagina incrociamo tristi camerieri di uno squallido bingo di periferia, improbabili coppie che si lasciano per poi riprendersi, trans malmenati, finti santoni, e sullo sfondo…loro: gli extraterrestri, esseri venuti dallo spazio con intenzioni non chiarissime, a tratti spaventose, a tratti quasi umane. Ma ciò che più colpisce è l’indifferenza quasi collettiva nei loro confronti: gli uomini sono infatti così disillusi e distratti dai continui tentativi di riabilitare vite monotone e solitarie da perdere quasi il contatto con la realtà, diventando essi stessi degli alieni in casa propria, e trasformando paradossalmente “l’invasore” nel portatore sano di un’etica ormai trascurata.

Nessuno mi farà del male è la fotografia di un’umanità giunta alla fine del suo percorso,  scattata all’imbrunire senza flash e strappata in mille pezzi. Il risultato è che ad una prima lettura la ricomposizione del quadro appare un’operazione decisamente complessa: il lettore subisce una forte sensazione di straniamento, come se ci fosse qualcosa di non immediatamente decifrabile. Ma immagino si tratti di un falso problema: l’inquietudine che regna dall’inizio alla fine è probabilmente uno degli effetti voluti dall’autore; ciò che emerge è che la società in cui viviamo ha perduto da un pezzo il suo libretto di istruzioni (ammesso che l’abbia mai avuto..), e lo scenario squallido e demente rappresentato fra le pagine del fumetto non fa che risaltarne lo stato confusionale. Si aggiunga un pizzico di follia, un filo di sarcasmo extravergine, e il piatto è servito.

Editore: Canicola – Pagine: 168 – Bianco&nero – Prezzo: 17€

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento